DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Pizza ipocalorica con Ortiche e Mandorle del Giardino

Pubblicato il 09/01/2021 08:00 
 

    Ingredienti:

  • 100 g di Farina bianca
  • 50 g di Mandorle tritate
  • 150 g di Cruschello
  • Mezzo panetto di lievito di birra
  • 50 g di Ortiche fresche o poco più di spinaci
  • 250 g di Polpa di Pomodoro
  • Olive snocciolate o mozzarella
  • Basilico e Origano
  • Olio, sale e peperoncino

Quando si tratta di pane o di pizze la mia fantasia non ha limiti, sono sempre alla ricerca di soluzioni efficaci che mi consentano di ottenere risultati finali soddisfacenti, anche per il palato, sviluppando cibi a basso contenuto calorico. Questo è uno degli esperimenti più riusciti, che ad oggi rifaccio spesso per deliziare il mio palato, e che oggi mi permetto di proporre a tutti coloro che sono in cerca di soluzioni alternative e ipocaloriche per il proprio palato e la propria salute.

Questa è una pizza molto ipocalorica, utile per diabetici, vegani, vegetariani o per tutte le persone che sono a dieta. Consente di gustare una buonissima pizza con la soddisfazione finale di sentirsi sazi e appagati. La pizza che si ottiene è veramente tanta, all'occorrenza si può dividere in 4 spicchi per 4 persone o, per i più esigenti, in 2 metà.

In una ciotola mettere le parine: la Farina bianca, la Farina di mandorle e il cruschello. Forse trovare il cruschello sarà un po' difficile. Il cruschello è la crusca con macina fine, si può trovare in un qualsiasi mulino della zona, purché sia cruschello alimentare. Essendo in sostanza crusca, dona alla pizza più consistenza e permette di aumentarne la quantità con un bassissimo apporto calorico. Per la Farina di mandorle, se sono quelle del Giardino, gli spicchi possono essere tritati avvalendosi di un macina caffè. Oppure si può comprare della Farina di mandorle.

Aggiungere il lievito alle farine, un pizzico di sale e un filo di Olio. Impastare il tutto aggiungendo poco per volta dell'acqua calda, fino a ottenere un impasto morbido e omogeneo. In genere circa 250 ml di acqua dovrebbero essere sufficienti.

L'impasto ottenuto non potrà essere lavorato con le mani, quindi ci si può aiutare con un mestolo di legno. Deve essere lasciato a riposare nella stessa ciotola per un'ora, il tempo della lievitazione.

Intanto lavare accuratamente le foglioline delle ortiche o le foglie degli spinaci. Certo trovare le ortiche al giorno d'oggi non è facile, anche se queste gustosissime e bistrattate erbette infestino tutte le campagne, ma gli spinaci penso che dovrebbero essere alla portata di qualsiasi negozio di frutta e verdura. Devono essere fresche, si utilizzano a crudo: i preparati surgelati non vanno bene. Tagliare le foglie di ortiche o di spinaci a striscioline sottili e lasciarle asciugare. Preparare il condimento della pizza, versando la polpa di pomodoro in un piatto fondo, aggiungervi le olive tagliate a dischetti, un ciuffetto di basilico tritato, una presa di origano, sale, un pizzico di peperoncino o di pepe e un filo di Olio.

Utilizzare una teglia da forno rotonda di almeno 30 centimetri e foderarla di carta forno. Dopo la lievitazione, aggiungere le ortiche o gli spinaci a striscioline all'impasto e amalgamarli in modo omogeneo. Le ortiche sarebbero meglio degli spinaci, perché donerebbero più morbidezza, ma le une o le altre vanno bene, rendono la pizza più morbida e soffice. Versare l'impasto nella teglia e stenderlo aiutandosi col mestolo, fino a coprire uniformemente tutta la teglia. Intanto accendere il forno a 180 gradi ventilato.

Spandere a cucchiaiate il condimento sulla pizza, avendo cura di lasciare dal bordo al condimento un centimetro di spazio, perché il bordo croccante è una delle cose più buone che ci siano. Quindi infornare la pizza per mezz'ora.

Per chi vuole aggiungere della mozzarella, magari escludendo le olive, si può preparare una mozzarella a dadini; Cinque minuti prima del termine della cottura, cospargere la pizza di dadini di mozzarella e prima di sfornare verificare che siano ben sciolti.

A volte i vari forni elettrici hanno comportamenti diversi. Durante la cottura consiglio di controllarne l'andamento, per evitare di bruciare i bordi della pizza. Se necessario spegnere prima o, in caso contrario, lasciare la pizza in forno per qualche minuto in più.

Per avere i Limoni o le mandorle del Giardino raccoglili da Il Giardino dei Limoni. Disponibili a seconda della stagione, così come altri agrumi. Per ricevere le vantaggiose promozioni, iscriviti alla Newsletter del Giardino.