DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

La Metalinguistica nell'insegnamento della Lettura in Braille al Bambino Cieco

Pubblicato il 05/04/2021 09:00 
 

Quando un bambino cieco inizia il suo apprendimento della Lettura e Scrittura Braille, deve avere un certo livello di sviluppo cognitivo e linguistico, comprese le competenze metalinguistiche. È anche necessario che abbia acquisito una sensibilità Tattile e un'adeguata abilità manuale. È altrettanto necessario che abbia un interesse o un motivo per imparare a Leggere.

I ciechi senza menomazioni associate acquisiscono capacità cognitive funzionalmente equivalenti a quelle delle persone vedenti. In ogni caso bisogna tener presente che la mancanza di Vista e la conseguente raccolta di informazioni sul mondo con altri canali sensoriali (principalmente il Tatto e l'Udito), significa che lo sviluppo psicologico dei bambini ciechi è talvolta diverso da quello dei bambini vedenti. Quando la Vista manca o è seriamente compromessa, l'individuo deve costruire il suo sviluppo psicologico usando modi alternativi che gli permettano di compensare il suo difetto visivo.

Il Tatto e l'Udito sono sensi meno appropriati della Vista per conoscere gli oggetti e la loro disposizione nello spazio. Le diversità dello sviluppo dei bambini ciechi sono spiegabili con il fatto che devono usare questi sistemi sensoriali compensatori per conoscere il mondo. I bambini ciechi hanno a disposizione meccanismi alternativi per relazionarsi con le persone che li circondano, ma hanno alcuni problemi o ritardi nella costruzione della permanenza mentale degli oggetti. Quando il bambino comincia a parlare, il Linguaggio può essere un sistema molto potente per compensare le difficoltà causate dalla mancanza della Vista.

Le prime imitazioni e i primi giochi dei bambini ciechi sono, in molti casi, di Natura verbale. Nel periodo scolastico, le peculiarità dello sviluppo cognitivo dei bambini ciechi si mostrano chiaramente quando si analizza lo sviluppo delle operazioni logiche. I bambini ciechi hanno la stessa competenza logica dei bambini vedenti, poiché risolvono compiti concreti che sono legati al Linguaggio. Invece, quando i bambini ciechi devono risolvere problemi logici con materiali figurativi o spaziali, il fatto di dover raccogliere informazioni con il Tatto presenta oggettivamente delle difficoltà che li fanno rimanere indietro rispetto ai bambini vedenti. Il ruolo del Linguaggio -internalizzato sotto forma di pensiero deduttivo verbale o ipotetico- sembra rimediare o compensare, quando si raggiunge l'adolescenza, i problemi figurativi derivati dalla mancanza di Vista. Tra i 12 e i 15 anni, i ragazzi ciechi possono risolvere senza problemi compiti di logica spaziale e figurativa, anche se arrivano a farlo seguendo percorsi diversi da quelli dei vedenti. Mentre questi ultimi risolvono questi compiti in modo veramente concreto, realizzando azioni e manipolazioni di oggetti reali, i ciechi devono ricorrere alla mediazione fornita dal Linguaggio, che è un Percorso alternativo piuttosto complesso.

Le capacità intellettuali dei bambini ciechi sono funzionalmente equivalenti a quelle dei bambini vedenti. I bambini dovrebbero quindi iniziare a imparare a Leggere alla stessa età: dall'inizio della Scuola primaria fino alla fine della Scuola secondaria. Tuttavia, non ci si può aspettare che questo apprendimento avvenga nello stesso modo. Apprendere il sistema Braille sembra incontrare più difficoltà del sistema visivo, sia per i problemi inerenti al codice stesso che per quelli legati all'uso del Tatto. I bambini ciechi devono imparare un sistema fatto di configurazioni spaziali di punti raccogliendo le informazioni con il Tatto; l'accesso iniziale alle informazioni scritte è più difficile per loro che per i bambini vedenti. D'altra parte, ogni sistema di Lettura ha una Componente verbale che non solo non presenta problemi per il bambino cieco, ma gli permette anche di compensare i problemi causati dall'assenza della Vista.

La Ricerca sui bambini vedenti mostra che il livello di sviluppo linguistico di un bambino è molto importante per imparare a Leggere. Senza dubbio, un bambino capisce meglio un testo e probabilmente lo legge più velocemente se conosce il significato delle parole scritte e la Grammatica della sua lingua. Quindi è importante che quando i bambini imparano a Leggere abbiano un vocabolario adeguato alla loro età, una pronuncia corretta, una buona comprensione ed espressione verbale; è anche molto importante che abbiano acquisito certe competenze metalinguistiche che permettano loro di riflettere sul proprio Linguaggio.

I bambini ciechi hanno uno sviluppo fonologico normale, acquisendo le loro prime parole nella stessa fascia di età dei bambini vedenti. Il successivo sviluppo del loro lessico può anche essere considerato normale sia da un punto di Vista quantitativo che qualitativo, anche se ha alcune peculiarità. Per esempio, i bambini ciechi usano parole che si riferiscono a oggetti e azioni che possono percepire direttamente col Tatto, piuttosto che quelli che si riferiscono a oggetti e azioni lontane. Anche lo sviluppo grammaticale di questi bambini è perfettamente comparabile a quello dei bambini vedenti. Dal punto di Vista comunicativo, l'assenza di Vista produce alcune diversità nell'Acquisizione del Linguaggio. Così, i bambini ciechi hanno certi ritardi nell'Acquisizione dei termini deittici (espressioni specifiche dell'ambito spazio-temporale (per es. qui, lì, l'anno dopo, oggi ), che per essere pienamente esplicite abbisognano di un riferimento al contesto). Questi problemi sono di solito superati in fasi precedenti all'apprendimento della Lettura, quindi non pongono problemi speciali per tale Istruzione.

La Ricerca con i bambini vedenti ha sottolineato l'importanza della metalinguistica. L'importanza di questa abilità e, più specificamente, delle abilità fonologiche nell'Acquisizione del Linguaggio, è stata sottolineata nella Ricerca con i bambini vedenti per un certo numero di anni. La funzione metalinguistica parla e spiega le parole con altre parole. L'abilità di spiegare le parole di una lingua può essere acquisita non solo per facilitare l'apprendimento della Lettura, ma anche per rimediare ai problemi di Lettura esistenti. Questa abilità dovrebbe essere presa in considerazione durante l'apprendimento della Lettura Braille nei bambini ciechi e ipovedenti. La capacità di discriminazione percettiva del bambino gli permetterà di identificare più rapidamente i caratteri scritti.

I lavori realizzati sulla percezione Tattile hanno dimostrato che il fatto di non avere la Vista non comporta una maggiore sensibilità cutanea. Tuttavia, la pratica nell'uso del Tatto che la cecità comporta facilita la capacità di discriminare per mezzo di questo canale sensoriale. Quindi può essere importante includere esercizi di discriminazione Tattile nell'Istruzione pre-Braille. Tali esercizi possono consistere nella discriminazione di forme di complessità crescente, Riconoscimento di figure, Riconoscimento di configurazioni di punti, ecc... Inoltre, i movimenti delle dita e della mano sono molto importanti nella Lettura Braille. È quindi importante allenare le abilità manuali in diverse fasi dell'Istruzione di Lettura.

Nelle fasi iniziali, dovrebbero essere eseguiti esercizi di coordinazione bimanuale (per esempio incordatura di perline, esercizi con tavolette e bastoncini, puzzle, ecc.), movimento del polso, Ricerca di simboli distribuiti da sinistra a destra lungo il testo, ecc.. Successivamente, l'allenamento dovrebbe essere diretto al movimento delle mani lungo le linee del testo e al cambio di linee.

Per concludere, il bambino cieco dovrebbe essere interessato ad imparare a Leggere. In generale, i bambini vedenti sono molto interessati alla Lettura. Questo interesse è dovuto al fatto che hanno familiarità con i materiali scritti fin dalla più tenera età, per esempio depliant, libri, favole, ecc. In questo modo, grazie all'intervento dell'adulto che gli legge questi testi, il bambino diventa sempre più interessato alla Lettura, sempre più consapevole che i caratteri stampati significano qualcosa. I bambini diventano consapevoli dello scopo della Lettura, in loro si risveglia una chiara motivazione per imparare a Leggere.

Questo processo non avviene così facilmente nei bambini ciechi. La stragrande maggioranza di questi bambini sono figli di genitori vedenti, quindi normalmente non hanno un contatto precoce con il tipo di materiale che useranno effettivamente per Leggere. Pertanto, potrebbero non trovare molto motivante imparare a Leggere in Braille. Perché un'attività sia motivante per un bambino deve prima essere rilevante per il bambino, deve essere diretta verso un obiettivo, uno scopo cosciente, legato a uno dei suoi interessi fondamentali (Leggere storie, imparare cose nuove, ecc.). È quindi necessario che le persone che circondano il bambino evidenzino, nella pratica quotidiana, le funzioni e la rilevanza dell'accesso alla Scrittura per i suoi interessi. A questo scopo, è conveniente catturare la sua attenzione con materiali attraenti (per esempio, libri con diverse texture e associati a suoni) che gli fanno capire il mondo di significati che un Libro racchiude.