DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Il Consiglio Mondiale del Braille

Pubblicato il 15/02/2024 08:00 
 

Durante il mio periodo presso la segreteria dell'Unione Mondiale dei Ciechi, ho sempre considerato una grande perdita la scomparsa del Consiglio Mondiale del Braille, creato dall'UNESCO all'inizio degli anni '50 e che ha beneficiato dell'entusiasmo dei primi anni di esistenza di questa organizzazione intergovernativa.

Ha svolto un Lavoro importantissimo nel preservare l'unità su quei punti che potevano essere comuni a diverse lingue e ha contribuito molto all'applicazione del Braille a lingue meno comuni come l'inglese, il francese o lo spagnolo. Il suo Presidente, Sir Clutha Mackenzie, ha pubblicato nel 1953 "World Braille Usage", un'opera magnifica che nel 1954 l'UNESCO ha pubblicato anche in spagnolo con il titolo "La Scrittura Braille nel mondo", dove sono esposti principi generali e contenuti gli alfabeti Braille delle diverse lingue che allora erano noti in dettaglio. Ho avuto notizia che questo Libro è stato pubblicato anche almeno in francese. Nel 1990, l'UNESCO, attraverso il National Library Service per i non vedenti e altre persone con difficoltà di accesso alla lettera stampata (NLS) della Biblioteca del Congresso di Washington, ha pubblicato una seconda versione di "World Braille Usage", che si proponeva di essere un aggiornamento della prima edizione, ma che sfortunatamente mancava della rigore e del valore indubbi dell'opera originale. L'Associazione Valentin Haüy (AVH) di Parigi ha pubblicato una Traduzione francese. Tuttavia, non è stato ritenuto opportuno effettuare una edizione in spagnolo dell'aggiornamento effettuato negli Stati Uniti. Nel 2013, Judy Dixon, Direttrice del Dipartimento per l'Assistenza agli utenti del NLS della Biblioteca del Congresso di Washington DC, che allora faceva parte del Consiglio Mondiale del Braille dell'UMC, ha preparato una terza edizione virtuale di "World Braille Usage" con la collaborazione effettiva della Perkins School for the Blind.

Successivamente, il Consiglio è stato incorporato prima nel Consiglio Mondiale per la Promozione Sociale dei Ciechi (WCWB) e poi, dopo la sua creazione nel 1984, nell'Unione Mondiale dei Ciechi. Il comitato che lo ha accolto ha subito così tante trasformazioni negli obiettivi e nel proprio nome che il Braille è stato incluso in uno spettro troppo ampio. Nel 2000, durante la V Assemblea dell'UMC, il Consiglio Mondiale del Braille è stato ricreato. È stato difficile far diventare questa commissione mondiale una realtà effettiva, ma ho fondate speranze che l'anno del bicentenario abbia contribuito a dargli una nuova e molto promettente vita. A partire da gennaio 2009, è stato rinnovato con la presenza di rappresentanti di varie autorità Braille delle principali aree linguistiche e comprende un comitato Tecnico composto da personalità di riconosciuto prestigio per le loro conoscenze del sistema Braille in diverse lingue. In ogni caso, il loro Lavoro non sarà facile. L'Informatica ha spinto a introdurre modifiche nelle principali aree linguistiche e in lingue specifiche, senza tener conto di altre lingue e senza l'intervento di un'autorità universale. La conseguenza è che ora si è persa l'uniformità nell'uso di alcuni segni di Punteggiatura, come ad esempio le parentesi, tra lingue così vicine come il francese, l'inglese e lo spagnolo. Ci sono molte alternative per rappresentare l'indispensabile chiocciola nelle direzioni eMail.

L'unificazione in teoria è un obiettivo auspicabile per molti, ma difficilmente realizzabile quando comporta la rinuncia a qualcosa che si considera il meglio per la propria Lingua.