DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

I volontari a che livello possono assistere noi disabili anche gravi?

Pubblicato il 04/08/2020 16:30 
 

Siamo in Emergenza sanitaria nella quale il Diritto alla Salute deve essere garantito a tutti, come fattore fondamentale di Tutela Sociale. Che tipo di Assistenza va erogata ai disabili gravi in periodo di Pandemia? La risposta è legata alla sensibilità di una comunità consapevole del disagio altrui; a parte gli operatori che davanti alla Legge si assumono le loro responsabilità per garantire al cittadino svantaggiato la qualità di servizi sempre idonei, ma i volontari a che livello possono assistere noi disabili anche gravi? Sono perfettamente consapevole dei rischi che potrebbe correre un volontario, ma lui stesso conosce tutte le difficoltà che deve affrontare, per questo motivo le autorità competenti devono garantire il loro operato nella massima sicurezza controllando sia il nostro stato di Salute che quello dei volontari.

Quindi tamponi, test sierologici, e quanto altro si utilizza per evitare contagi da Coronavirus che potrebbe portare conseguenze per tutti, è in buona sostanza il dettato dell'autocertificazione che non blocca l'Assistenza ma che la adatta al periodo particolare che viviamo. Avere a disposizione i dispositivi adatti, rispettare il distanziamento Sociale, la mascherina per tutti, il lavaggio e disinfezione delle mani e degli oggetti frequentemente usati, i guanti, e per noi sordociechi una maggiore attenzione per la pulizia di tutto, sono le azioni indispensabili da rispettare per evitare il contagio. Non è difficile seguire queste indicazione e in questo modo sarà possibile anche fare una passeggiata con qualche amico, perché renderebbe la vita più gradevole abbassando l'ansia di base e migliorando il livello di attesa di qualsiasi giornata da passare in casa.

Siamo in agosto, avrei voluto Scrivere per noi una poesiola giocosa sul Coronavirus, ma leggendo le notizie che ci giungono dal resto del mondo ci ho ripensato e vi ho mandato queste mie brevi considerazioni che forse servono a farci riflettere di più. Buone vacanze per tutti aspettando il meglio.