DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Cosa sono i file script dei lettori di schermo? Il valore dell'accessibilità

Pubblicato il 14/07/2020 08:00 
 

Uno script è un piccolo programma che fa compiere al lettore di Schermo un'azione idonea a una situazione specifica. Un lettore di Schermo invece è una Tecnologia assistiva che consente a chi ha una disabilità visiva di ricevere informazioni vocali o Braille su cosa avviene nello Schermo di un Computer o di un dispositivo mobile, al fine di utilizarne i Software e le app. Oggi quasi tutti i sistemi operativi hanno uno o più lettori di Schermo. A parte Linux che è un mondo quasi totalmente avulso dal contesto attuale, Windows, Android, Mac e Ios hanno le proprie tecnologie di accesso che consentono a chi è Disabile visivo di utilizzare Computer e Smartphone.

In questo articolo prendo principalmente in considerazione due lettori di Schermo per Windows, cioè Jaws ed NVDA. Tuttavia i concetti di base servono anche a spiegare il comportamento di altri lettori di Schermo presenti in altri sistemi operativi e le interfacce di accessibilità in essi contenute.

Si supponga di usare un'applicazione che in fondo alla sua finestra fornisce una descrizione. Un utente vedente rivolge semplicemente lo sguardo verso il basso per vedere quell' Informazione. Un utente con disabilità visiva invece deve utilizzare un comando messo a disposizione dal suo lettore di Schermo. Il comando, in genere avviato da una combinazione di tasti, esegue uno script. Lo script semplicemente è una parte di programma che esegue la Lettura a Voce o in Braille dell'area inferiore della finestra. Jaws ed NVDA mettono a disposizione dell'utente un comando per Leggere quell'area, ma consentono anche all'utente esperto di personalizzare lo script per Leggere quell'area in modo diverso.

Gli script in Jaws o NVDA sono costantemente in esecuzione e reagiscono a tutti gli eventi del sistema operativo, indotti dall'utente o dal sistema operativo stesso. Per esempio, quando si preme Insert+FrecciaSu, il comando per Leggere la riga corrente, il lettore di Schermo esegue uno script che sa come Leggere correttamente la riga corrente in base al cursore attivo e al tipo di finestra su cui è il cursore. Per esempio, quando appare un fumetto momentaneo in fondo allo Schermo, il lettore di Schermo intercetta tale evento e legge l'Informazione ad alta Voce.

A seconda del lettore di Schermo, ci sono strumenti a disposizione dell'utente per creare o modificare uno script. Per esempio, Jaws fornisce un editor di testo completamente funzionale. Ha la possibilità di creare script, inserire funzioni, mostrare informazioni di riferimento, controllare gli errori e Salvare e compilare il file script. NVDA invece non ha un IDE specifico come Jaws (Integrated development environment - Ambiente di sviluppo integrato per la realizzazione di script), pur disponendo di un sistema e un Linguaggio di Programmazione di complessità più elevata.

Perché ci servono gli script? Perché un lettore di Schermo non possiede al suo interno tutto ciò che serve senza avere gli script? In realtà questo approccio è presente in alcuni lettori di Schermo presenti in altri sistemi operativi, ma i lettori di Schermo che consentono una personalizzazione attraverso gli script sono di gran lunga più evoluti rispetto ai loro fratellini minori che non consentono ciò.

Non tutte le applicazioni seguono gli standard delle interfacce visive e di accessibilità, pertanto gli script servono al lettore di Schermo per capire come comportarsi in situazioni particolari al fine di Leggere le informazioni a Schermo in modo più efficiente. Il lettore di Schermo privo di script leggerà l'Informazione in modo generico, sempre che riuscirà a trovarla, mentre la Lettura attraverso uno script personalizzato garantirà una Lettura fedele dell'Informazione che serve veramente. Un esempio può chiarire questo concetto. La Lettura della parte inferiore della finestra effettuata in modo generico, fa in modo da Leggere l'Informazione di quell'area sempre allo stesso modo, per tutte le applicazioni. Tuttavia le applicazioni non mostrano le informazioni in fondo alla finestra tutte allo stesso modo. Uno script personalizzato per un'applicazione invece fa in modo da Leggere l'area inferriore della finestra in base a come l'applicazione mostra l'Informazione. Nel primo caso il lettore di Schermo potrebbe non trovare l'Informazione da Leggere; nel secondo caso il lettore di Schermo troverà sempre l'Informazione che serve comunicare all'utente. La precisione di un lettore di Schermo è un fattore molto importante per l'utente non vedente, perché più velocemente e più precisamente si esegue un'Operazione, più si è produttivi.

Un lettore di Schermo come fa a Leggere le informazioni a Schermo?

Si potrebbe pensare che il lettore di Schermo faccia un Riconoscimento ottico dei caratteri di ciò che c'è scritto a Schermo (OCR). Negli ultimi anni Jaws e NVDA hanno introdotto anche questa modalità di Lettura. Tuttavia il Riconoscimento dei caratteri a Schermo è una delle ultime soluzioni di Lettura, utilizzata in soccorso nell'eventualità che le informazioni nell'interfaccia di accessibilità siano assenti. L'OCR di una Immagine a Schermo resta sempre un'Operazione lenta da effettuare, dato che tra il comando di Lettura e la vocalizzazione dell'Informazione ci sono i lunghi tempi di attesa dovuti al Riconoscimento dei caratteri.

Un lettore di Schermo principalmente ricava l'Informazione da Leggere interrogando l'interfaccia di accessibilità esposta dall'applicazione e messa a disposizione dal sistema operativo. Per esempio, se un pulsante mostra il testo "Annulla", quel testo è presente anche internamente nel pulsante. Il lettore di Schermo chiede al pulsante di restituirgli il testo che mostra, testo che poi il lettore di Schermo vocalizza. Questa comunicazione tra lettore di Schermo e pulsante avviene in pochi millesimi di secondo, perciò la vocalizzazione dell'Informazione è precisa e immediata.

La comunicazione tra lettore di Schermo e applicazione però non è sempre facile, data la complessità del sistema e l'ignoranza che ancora esiste nello sviluppo di interfacce utente accessibili. Adeguarsi a nuovi criteri di progettazione e rendere le interfacce utente accessibili e utilizzabili anche da chi usa una Tecnologia assistiva non sono sempre concetti facili da far comprendere. Nonostante le timide leggi che in questi anni sono state emanate, c'è ancora molto da lavorare, per far sì che chiunque possa aver accesso alle informazioni e all'uso delle applicazioni.

L'Informazione Accessibile è quella che tutti possono fruire, qualunque sia lo strumento utilizzato per ottenerla e qualunque sia la condizione Fisica/psichica del destinatario. È Accessibile l'applicazione che può essere fruita da tutti, comprese le persone che presentano disabilità nell'utilizzo degli strumenti informatici e che usufruiscono di tecnologie assistive per la Lettura dello Schermo. È sempre bene sapere che un lettore di Schermo non può Leggere le informazioni a Schermo se l'applicazione è progettata in modo non adeguato. Un'applicazione inaccessibile può essere esteticamente impeccabile, ma non è fruibile da tutti. Invece un'applicazione Accessibile, quindi progettata adeguatamente, può essere bella esteticamente e fruibile da tutti. L'accessibilità è un valore.