DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Coronavirus: Corsia preferenziale per fare la spesa per chi è solo

 Flavio Lucchini   Pubblicato il 17/03/2020 
 

Scrivo questo per un Emergenza che ci sta coinvolgendo in questo momento di crisi, in cui siamo costretti, per forza maggiore, a non uscire di casa.

Dai gruppi whatsapp e dalle liste si possono Leggere molti casi di persone cieche che hanno difficoltà nel fare la Spesa on-line.

Dobbiamo tutti insieme fare fronte comune e con l'aiuto delle associazioni di categoria che ci rappresentano, trovare un accordo con i diversi supermercati e punti vendita on-line esistenti sul territorio, perché si trovi il modo di creare una corsia preferenziale per tutte quelle persone che, a causa della mobilità ridotta, come disabili o anziani che vivono senza un aiuto, si possa trovare una soluzione, perché ora è impossibile fare la Spesa, Vista la grande richiesta.

Molti siti, che fino a qualche giorno fa erano disponibili, ora nemmeno ci si può accedere, altri non permettono di concludere la Spesa, ed altri ancora non hanno disponibilità di consegna.

Purtroppo i beni di prima necessità non possono aspettare, tutti dobbiamo mangiare!

Questa non è una richiesta impossibile, e nemmeno vogliamo essere compatiti, è una questione di sopravvivenza.

Visto il momento di crisi che stiamo vivendo tutti, non è facile trovare volontari che possano recarsi nei punti vendita, in particolar modo per chi vive nei piccoli centri, dove i negozi di prima necessità sono pochi e carichi di Lavoro.

Questa mia richiesta, oltre ad essere inoltrata nei gruppi e nelle liste, viene messa in conoscenza nascosta anche ai presidenti delle associazioni di ciechi che ci rappresentano.

Con la speranza che più voci abbiano un peso maggiore rispetto alla mia sola, invito tutti a fare girare questa mia proposta, scrivendo al servizio clienti dei supermercati, alle associazioni perché ci diano una mano, e se necessario anche ai mass media.