DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Auto per ciechi o specchietto per le allodole?

Pubblicato il 20/07/2010 00:00 
 

Ci sono casi in cui le persone cieche vengono certamente prese come pretesto per coprire altri scopi scientifici o economici, se non per ottenere facili finanziamenti o vetrine prestigiose altrimenti irraggiungibili. Quello delle "Auto guidate da ciechi" sembra proprio uno di questi casi, mentre probabilmente non lo è quello della cosiddetta "@-Braille" (o "chiocciola-Braille"), anche se la presentazione da parte degli organi d'Informazione di questo sistema per l'accesso dei ciechi alla messaggistica nel Web non rende certo un buon servizio a chi ci sta lavorando

Una persona non vedente utilizza un display BrailleUna volta si chiamavano "notizie d'agosto", per giustificare l'uso della carta e dell'Inchiostro, altrimenti poco spiegabile. Ma ora siamo in luglio e di notizie gravi e gravissime siamo purtroppo strapieni e c'è soltanto l'imbarazzo della scelta.

Eppure, il desiderio di sensazionalismo è più forte e così leggiamo che si sta sperimentando un'Automobile capace di muoversi da sola nel traffico e di raggiungere la sua destinazione. Fin qui nulla di nuovo, dato che questi studi sono ben conosciuti da parecchi anni e le applicazioni pratiche sono ostacolate da problemi di costi, più che da difficoltà tecniche. Ma la notizia mirabolante è che queste macchine in grado di muoversi da sole saranno "guidate" da ciechi, mediante corpetti vibranti che li indurranno a rallentare o ad accelerare e guanti speciali che daranno indicazioni di quanto dovrà essere girato il volante per non uscire di strada alle curve. Il tutto condito con "soffi di vento Artificiale" per dar loro informazioni sulla realtà esterna...

Chi scrive non è un Tecnico e quindi si esprime con molta cautela, ma, pur non sapendo risolvere delle equazioni differenziali, la semplice logica suggerisce qualche considerazione da Uomo della strada. A quanto pare, nei prototipi già esistenti, i sistemi di bordo sono in grado di calcolare la traiettoria da seguire, la distanza da mantenere rispetto agli altri veicoli, la velocità da tenere in funzione del tipo di strada e del suo andamento e, sicuramente, le strade da percorrere per raggiungere la destinazione voluta, dato che questo è già fattibile oggi con un semplice navigatore satellitare da 180 euro.

Ora gli "scienziati" si sono inventati un sistema per comunicare al cieco tutti questi dati, in modo che egli prema sul freno o sull'acceleratore, giri il volante di poco o di molto, blocchi il Veicolo in caso di pericolo. Ma che motivo logico c'è di inserire fra il Computer - che acquisisce le informazioni esterne e calcola tutto ciò che è necessario al movimento sicuro dell'Auto - e il servosterzo, il servofreno e tutti gli altri servomeccanismi di cui può essere dotata l'"Auto-matica", che utilità c'è, si diceva, di inserire un elemento quanto mai fragile, emotivo, lento nei riflessi, qual è un essere Umano? Se la cosa è possibile e sicura, lasciate che il cieco si accomodi su un confortevole sedile e magari ascolti la Voce del navigatore che, invece di dire «fra 100 metri svolta a destra», dica «stiamo a Via Veneto e fra poco raggiungeremo Piazza Barberini».

Esiste poi già la Tecnologia di Riconoscimento delle fisionomie che permetterebbe all'autista Automatico di raccontare al passeggero cieco che all'ingresso dell'Hotel Excelsior ha notato lo splendido profilo della nota star di Hollywood...

Ma non è l'unico caso in cui il cieco viene preso come pretesto per coprire altri scopi scientifici o forse più che altro economici o, come altrove, per ottenere facili finanziamenti o vetrine prestigiose altrimenti irraggiungibili. Non si può certo asserire che sia questo il caso della "@-Braille" [o "chiocciola-Braille" che dir si voglia, N.d.R.], sulla quale si sa solo quel poco che è apparso recentemente su un Quotidiano e che potrebbe essere effettivamente un sistema rivoluzionario per l'accesso dei ciechi alla messaggistica sul Web [l'articolo cui si fa riferimento è stato pubblicato il 13 luglio scorso da «La Nuova Sardegna» ed è rintracciabile cliccando qui, N.d.R.]. Quel che è certo è che chi ha scritto il pezzo non ha reso un buon servizio al produttore, dato che, nel Leggere il titolo Anche i non vedenti leggono le mail, molti degli appartenenti a questa categoria - proprio leggendo l'articolo pervenuto loro per posta Elettronica insieme a centinaia di al

tri messaggi - si saranno fatte delle matte risate. Meno da ridere è la parte dell'articolo in cui il capo-Software dell'inventore gli spiega, quasi lacrimando, la pietosa situazione del "povero cieco che deve ricorrere a qualcun altro per farsi Leggere la posta Elettronica", dovendo rinunciare così alla sua privacy, senza però riflettere sul fatto che se il cieco ha un Computer e un indirizzo e-mail, avrà anche un browser e una Sintesi Vocale o un display Braille che gli legge i messaggi.

Già, perché insieme all'"acqua calda", una ventina d'anni fa sono state inventate e poi prodotte e vendute in migliaia di esemplari le "barre Braille", mediante i cui punti a Rilievo che si alzano e si abbassano, i pochi ciechi ancora esperti utilizzatori della Scrittura Braille leggono messaggi e romanzi o studiano Matematica o Informatica. Ma forse questo non lo sa neppure la «commissione voluta dal Ministro Renato Brunetta, per riempire di contenuti il padiglione "L'Italia degli innovatori" all'Esposizione mondiale di Shanghai», come si scrive nell'artiolo citato e che ha incluso questa "novità" nello stand Italiano.

C'è da augurarsi quindi che un articolo più completo e tecnicamente più esauriente chiarisca tutti i dubbi e ci apra prospettive migliori, anche sul piano dei costi.