DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Stampa a rilievo con Biblos e stampanti Index Braille

Pubblicato il 07/07/2017 00:00 
 

La stampa Tattile è stata sempre croce e delizia per i non vedenti di tutto il mondo. In passato non c'erano Software che consentivano a chi è cieco di disegnare autonomamente grafici tattili. Nel 2009 ho trasferito in Biblos la mia esperienza con la Grafica Digitale, e ho programmato il primo Ambiente di Grafica Tattile completamente utilizzabile da chi è cieco.

Toccare disegni tattili ben fatti può essere un'esperienza molto istruttiva; realizzarli in astratto utilizzando istruzioni vettoriali apre nuove prospettive e fa Acquisire nuove abilità che aiutano i processi cognitivi di chi è cieco a padroneggiare forme, spazi e dimensioni.

Avendo vissuto metà della mia vita da vedente e l'altra metà da cieco, non potevo pregiudicarmi il piacere di creare grafici tattili. Pertanto l'Ambiente di Grafica Tattile di Biblos è stato sin da subito perfettamente accessibile, basandosi su un interprete e un Linguaggio di Grafica Vettoriale da me ideato.

Il mercato delle stampanti Braille è molto variegato. Ci sono stampanti veramente pessime e stampanti sufficientemente adoperabili per diversi scopi. Studiando le caratteristiche di queste stampanti mi sono reso conto che le migliori sono le stampanti prodotte da Index Braille, un'Azienda svedese. Queste stampanti sono ottime per fare Braille e hanno anche una modalità Grafica che ho potuto utilizzare con Biblos.

Ora chiudiamo la finestra sul passato e rientriamo nel presente della Grafica Tattile di Biblos. Spero di trasmetterti la mia conoscenza di queste stampanti Index e farti capire perché sono preferibili ad altre.

La stampa Tattile con le stampanti Index è un procedimento di stampa che avviene con l'impressione di punti sporgenti sulla superficie della carta. Questo si ottiene comprimendo il Foglio tra un punzone a sbalzo e uno incavo. Il punzone di queste stampanti è di tipo emboss: rispetto alla superficie del Foglio con esso si ottiene un innalzamento dei punti tattili. In Italiano il termine emboss viene tradotto in goffratura, un termine del gergo tipografico. Il diametro dei punti delle stampanti Index è di 1,8 mm. Il Rilievo di questi punti è di tipo piano, cioè i punti sono tutti della stessa altezza, e viene eseguito con stampa senza Inchiostro, poiché le stampanti non hanno una doppia modalità di stampa Inchiostro/Braille. Infatti il Rilievo visivamente è poco evidente e la sua qualità viene determinata solo al tatto. La distanza tra un punto è l'altro può arrivare fino a 0,5 mm, consentendo di ottenere una risoluzione Tattile molto lineare.

Le stampanti Index per uso domestico sono due: Basic-D ed Everest-D. La prima utilizza fogli a modulo continuo, mentre la seconda usa fogli singoli. Le caratteristiche del Braille e della Grafica Tattile sono identiche per entrambe, la differenza sta solo nei fogli che vengono utilizzati. Per l'uso che serve a me sceglierei sempre la Stampante a fogli singoli: perché posso utilizzare normali fogli A4 di grammatura maggiore; perché i fogli sono facilmente rilegabili e fascicolabili; perché posso Stampare anche su fogli A3 in Formato Rivista (4 pagine per Foglio); perché con qualche trucchetto posso effettuare una stampa doppia Inchiostro/Tattile.

Fino alle stampanti Index versione 3 (prima del 2011), le modalità per Stampare grafici tattili erano tre: 2,5 mm, 2,0 mm e 1,6 mm. La distanza minima ottenibile era di 1,6 mm e le forme dei grafici tattili erano abbastanza regolari.

Dalle stampanti Index versione 4 è stata introdotta una nuova modalità di stampa con cui la distanza tra un punto e l'altro si riduce fino a 0,5 mm. Sfruttando questa modalità le linee vengono davvero regolari, lisce al tatto. Per Stampare grafici tattili questa modalità è davvero straordinaria. C'è solo un problema: utilizzando fogli comuni (almeno 160 grammi) i punti troppo ravvicinati lacerano la carta. Perciò, se si vuole usare questa modalità, è utile Stampare su cartoncini plastificati. Altrimenti si può scegliere sempre di utilizzare la modalità di 2,0 mm o di 1,5 mm, con cui la carta subisce meno stress.

Come posso fare per farti capire il significato di questi parametri? Immagina di avere due punti e che la distanza tra essi sia di 2,5 mm. Tra l'inizio di un punto e l'inizio dell'altro punto quindi c'è la distanza di 2,5 mm. Il punto ha una sua Dimensione, che è di 1,8 mm. Tra la fine di un punto e l'inizio dell'altro quindi ci sono 0,7 mm di carta. Ti ho appena descritto le distanze e le dimensioni dei puntini Braille.

Ora immagina che la distanza tra l'inizio di un punto e l'inizio dell'altro si riduca. Si riduce fino a 0,5 mm. Avendo il diametro del punto di 1,8 mm significa che i punti si accavallano, ma la regolarità delle linee formate dai punti diventa molto alta. Le immagini acquisiscono qualità, il dito tocca linee regolari. A soffrirne però è la carta, che non avendo respiro tra un punto e l'altro - anzi i punti si accavallano - si lacera e cede. Per questo motivo ci vuole un cartoncino Speciale, che sia in grado di assorbire le sollecitazioni dei punzoni e che riesca a sollevarsi senza rompersi. Perciò in commercio ci sono dei cartoncini plastificati che sono utili per il nostro scopo. Costano di più della comune carta, ma danno buoni risultati.

Un aspetto collegato a questo è quello del tipo di Stampante. Per la Stampante a modulo continuo sarà difficilissimo trovare moduli di cartoncino plastificato. Mentre per la Everest-D, quella a Foglio singolo, sarà molto più facile, perché risme di questi fogli si possono trovare anche nelle cartolerie sotto casa o in Internet nei siti di materiale per ufficio.

Ecco il punto dolente: queste stampanti hanno un costo molto elevato. Cancella l'idea dei costi che conosci di una Stampante laser o a getto d'Inchiostro. Hai cancellato? Ok, oggi la Basic-D versione 5 costa $ 3.695. Invece la Everest-D versione 5 costa $ 4.395. Questi prezzi li ho appena presi dal sito del produttore Index Braille.

Sono perfettamente d'accordo con te: queste stampanti costano troppo! Purtroppo se ti orientassi su altro che costa meno non farei altro che illuderti e portarti fuori strada. Potresti risparmiare non più di un migliaio di euro, ma il resto sarebbero soldi buttati. Perché sì avresti acquistato una Stampante che costa 2.000 euro - per esempio la Stampante EmBraille prodotta da View Plus - ma avresti anche una Stampante che ti serve davvero a poco: poco e niente per il Braille e poco e niente per la Grafica Tattile.

Per le stampanti di altre marche e di pari prezzo alle Index, non troverai mai la medesima qualità. Andando su marche e modelli professionali troverai stampanti che fanno ottima Grafica e stampanti che fanno ottimo Braille, ma non tutt'e due insieme. Per questo motivo oggi consiglio sempre Index Braille, fatti e esperienza alla mano.

Sai come si può Stampare a Inchiostro e in Tattile sullo stesso Foglio? È un'operazione da smanettoni, ma si può fare. Prima si stampa la parte a Inchiostro mettendo il Foglio in una Stampante laser. Poi lo stesso Foglio si usa con la Stampante Braille. Questo è uno dei vantaggi di utilizzare fogli singoli. Ricorda sempre che una cella Braille in orizzontale ha la Dimensione di 5,0 mm e tra una cella e l'altra c'è uno spazio di 1,0 mm.

Per ulteriore supporto ci si può iscrivere nel Gruppo di Biblos su Facebook, dove si potrà dialogare più ampiamente di questo ed altri argomenti.