DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Documenti elettronici e informazioni del testo

 Giuseppe Di Grande   Pubblicato il 17/11/2017 
 

Quante volte hai avuto la curiosità di sapere quante parole contiene un Documento e sei andato alla ricerca di una finestra che potesse fornirti questa Informazione? Biblos possiede uno strumento molto efficace che ti mostra le informazioni di un Documento Elettronico.

A cosa serve contare le parole? Magari stai per partecipare a un concorso letterario e ti serve Scrivere un racconto che rientri in un intervallo ben preciso di parole. Forse stai scrivendo un romanzo e ti serve sapere di quante cartelle o di quante parole è Formato. Scrivi per un blog e hai bisogno di Scrivere articoli intorno a 3000 caratteri, o 500 parole, o vuoi sapere che indice di leggibilità ha il tuo articolo. Lo so, il paniere delle possibilità comincia a farsi sempre più interessante.

Apri Biblos e carica un Documento. Vai nel menù Strumenti/Informazioni/In generale... In pochi secondi viene fuori una finestra con varie informazioni. Le voci dipendono dal Documento caricato. Per esempio, alcune di queste sono:

Ho omesso diverse altre voci, come immagini, tabulazioni, tabelle, note e così via. La finestra delle Informazioni dà un quadro generale di quali elementi e caratteri sono presenti in un Documento Elettronico. Le voci appena elencate credo siano autoesplicative. Mi soffermo un attimo sull'ultima, quella chiamata Indice GULPEASE.

L'Indice Gulpease è un indice di leggibilità di un testo tarato sulla Lingua italiana. È stato definito dal Gruppo Universitario Linguistico Pedagogico presso il Seminario di Scienze dell'Educazione dell'Università degli studi di Roma "La Sapienza". L'algoritmo GULPEASE si basa sul conteggio della lunghezza dei paragrafi e delle parole, al fine di ricavarne un valore percentuale che indica il grado di leggibilità di un testo. I risultati sono compresi tra 0 e 100, dove il valore "100" indica la leggibilità più alta e "0" la leggibilità più bassa. In generale risulta che testi con un indice inferiore a 80 sono difficili da Leggere per chi ha la licenza elementare; inferiore a 60 sono difficili da Leggere per chi ha la licenza media; inferiore a 40 sono difficili da Leggere per chi ha un diploma superiore. (Info tratte da Wikipedia e riformulate)