DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Vietnam, la dura battaglia per la pace e le persone con disabilità visiva

Pubblicato il 14/02/2024 08:00 
 

Lo scorso agosto (1991 NDR) abbiamo avuto l'opportunità di conoscere la realtà dei ciechi in Vietnam, attraverso una permanenza di una settimana nelle città di Hanoi e Haifon, grazie all'invito dell'Associazione Nazionale dei Ciechi. Dobbiamo affermare fin dall'inizio che questo paese e la sua gente sono riusciti a suscitare in noi immediatamente una travolgente corrente di simpatia. La nostra permanenza ci ha persuaso che una nazione come questa difende con forza la propria identità nazionale e, allo stesso tempo, è aperta alla solidarietà straniera. Dotata di una Cultura genuina, in grado di assimilare gli aspetti positivi dell'estero. Povera materialmente, ma estremamente ricca nella sua sensibilità e Intelligenza, è destinata a un futuro prospero.

Ricordiamo tutti la terribile Guerra che ha devastato il Vietnam negli anni sessanta e settanta, ma molti ignorano che lì, in questo secolo, con una o altra intensità, i fucili sono stati attivi per quasi cinquant'anni. Spero che abbia la fortuna che merita nella battaglia per la pace!

Il Vietnam è oggi uno dei paesi più poveri del pianeta, se si fa riferimento alle sue infrastrutture e alla sua ricchezza materiale in generale. Tuttavia, esso racchiude immense possibilità di ricchezza grazie alla sua buona posizione all'incrocio degli oceani Indiano e Pacifico, ai tesori inesplorati del suo sottosuolo e, soprattutto, al suo prezioso capitale Umano.

Nel caso specifico della cecità e dei non vedenti, questo è un paese in cui le dimensioni del problema sono sconcertanti. Centinaia di migliaia di persone attendono con speranza di poter vedere di nuovo se hanno la possibilità di accedere a un intervento chirurgico per le cataratte. In un altro articolo della Rivista parliamo di un programma in cui anche l'Unione Mondiale dei Ciechi è coinvolta.

Numerose sono le persone che soffrono di cecità, gravi deficit visivi, talvolta combinati con altre disabilità, a causa della partecipazione a operazioni belliche o dalla manipolazione di dispositivi dopo la fine della Guerra. E, come è facile immaginare, innumerevoli sono i casi di cecità e riduzione della vista tra i bambini.

Questo panorama così cupo concede solo alcune dosi di conforto quando si conosce la serietà e la relativa efficacia con cui lavora dal 1969 l'Associazione Nazionale dei Ciechi del Vietnam.

L'Associazione E I SUOI SERVIZI

Non molto tempo fa, i nostri amici vietnamiti forse non riuscivano a sfuggire alle linee propagandistiche imposte dal loro regime politico e presentavano una realtà abbellita, un Racconto di successi e conquiste spettacolari. Questa non è più la pratica a cui siamo stati sottoposti durante la nostra visita, poiché abbiamo avuto l'opportunità di vedere veramente le cose così come erano e di dialogare con i dirigenti e i collaboratori dell'organizzazione in un Clima di apertura critica e cordiale franchezza.

Per quanto riguarda la sua struttura e i suoi metodi organizzativi, l'Associazione ha seguito linee simili a quelle delle istituzioni sorelle dei paesi socialisti. Ha un'amministrazione centrale, unità provinciali e gruppi nelle città e nei distretti. Gli uffici centrali sono ora ospitati in un edificio moderno, relativamente funzionale, finanziato dalla Lotteria Nazionale Vietnamita. Lì dispongono di vari uffici, strutture per la produzione di libri parlati, una stampa Braille e alcuni altri servizi. Mantengono buoni rapporti con gli organismi statali a tutti i livelli e hanno ottenuto notevoli successi nella loro campagna per attrarre collaborazioni internazionali.

Istruzione, RIABILITAZIONE E IMPIEGO

Date le proporzioni del compito che devono affrontare, sembra sempre poco ciò che fanno. Tuttavia, ci sono due scuole relativamente ben organizzate a Hanoi e Ho Chi Minh City e tentativi più modesti di servizio scolastico a Haifon e in altre città. La Scuola di Hanoi, con il Sostegno della CBM, si occupa di circa settanta bambini non vedenti insieme a quasi trecento ipovedenti. Naturalmente, c'è una carenza di materiale didattico e mancano insegnanti formati a sufficienza. Tuttavia, solo nel 1991 ci sono stati due progetti importanti in questo senso. A luglio, tre specialisti francesi hanno Formato circa trenta insegnanti a Ho Chi Minh City su ogni tipo di Tecnica Didattica, compresa l'Orientamento e la mobilità. A dicembre, è iniziata un'altra strategia di Formazione del personale sponsorizzata dall'UNESCO e finanziata da organizzazioni giapponesi.

Nonostante abbiano realizzato numerosi programmi di riabilitazione funzionale, a causa della mancanza di risorse e della carenza di personale competente, ritengono che la riabilitazione sia una delle loro principali sfide irrisolte.

Per quanto riguarda le attività lavorative, diverse centinaia lavorano in semplici officine svolgendo compiti manuali o semimeccanizzati. Un certo contingente presta servizio presso l'Associazione, e alcuni guadagnano da vivere come musicisti. Tuttavia, anche qui i mezzi e le reali opportunità non sono in linea con la straordinaria capacità potenziale dei vietnamiti.

GRAZIE PER LA Cultura

Una delle cose che dobbiamo annotare decisamente tra i meriti dei nostri amici vietnamiti è il loro amore per la Cultura e il serio sforzo che hanno dedicato nell'eradicare, per quanto possibile, l'analfabetismo tra i non vedenti.

In molti dei piccoli centri di Studio che abbiamo visitato, dove abbiamo incontrato persone di tutte le età impegnate diligentemente nell'apprendimento del sistema Braille o nella pratica della Lettura e della Scrittura, ci ringraziavano per aver consigliato alla loro Associazione e al loro Governo di fornire mezzi per l'insegnamento della Scrittura Braille. A quanto pare, la raccomandazione della UMC non era caduta nel vuoto, e loro la apprezzavano molto. Era emozionante vedere con quanta dedizione lavorassero quelle persone per superare le porte della conoscenza in condizioni materiali che sembravano invogliare poco a un'attività così nobile. E ci dava gioia constatare che una Tipografia dotata di macchine scartate nei Paesi Bassi già qualche decennio fa continuava a produrre quattrocento copie di una Rivista bimestrale e numerosi libri di testo e di interesse generale. E quando abbiamo visitato i relativi laboratori, le attrezzature erano in pieno funzionamento.

Nel 1991, un'organizzazione australiana ha donato attrezzature per la produzione di audiolibri e ha fornito consulenza per avviare il servizio corrispondente. Nonostante la stessa persona facesse da Tecnico e Voce, abbiamo potuto portare a casa come ricordo una copia del primo numero della loro Rivista sonora. Abbiamo anche avuto l'opportunità di Ascoltare gruppi musicali di giovani e adulti e un giovane chitarrista di qualità molto accettabile.

ALCUNI SOGNI PER IL PROSSIMO FUTURO

I dirigenti dell'Associazione stanno attivamente cercando collaborazioni, sia all'interno che all'esterno del paese, per realizzare alcuni dei loro progetti più urgenti. Questi includono la creazione di una struttura di riabilitazione che funzionerà da centro di risorse per formare personale che lavori con le persone non vedenti nelle loro comunità di base, l'implementazione di programmi Pilota di Formazione professionale per i giovani e la produzione di materiali ausiliari essenziali. Inoltre, mirano a migliorare la capacità di produzione Braille per potenziare il loro piano di alfabetizzazione, ad Aggiornare i loro centri di produzione, comprese alcune unità sperimentali per sfruttare al massimo le capacità delle persone non vedenti, a implementare strategie efficaci per fornire meglio di materiale i servizi scolastici e, soprattutto, a formare con qualità un numero crescente di insegnanti.

Ho avuto l'opportunità di condividere le mie impressioni con diverse persone che, come me, hanno avuto il privilegio di visitare il Vietnam. Siamo tutti unanimemente convinti che le dimensioni del problema siano difficilmente gestibili, ma siamo anche tutti concordi nella nostra stima e nei nostri sentimenti verso il popolo vietnamita.

Da quella gente così raffinata, sensibile, laboriosa e intelligente, si possono attendere grandi cose.

Desidero esprimere qui le mie congratulazioni e la mia gratitudine a Dinh Thuyen, Presidente dell'Associazione, a Tran Van Nam, Direttore delle Relazioni Internazionali e nostro instancabile interprete, e a tutte le persone che hanno reso la nostra permanenza un'esperienza arricchente e indimenticabile.

Pedro Zurita

---

I ciechi nel mondo

Pubblicato dall'Unione Mondiale dei Ciechi

N. 5 e 6

Maggio - Dicembre 1991