DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Il trascrittore di testi in Braille: un ponte tra la cultura visiva e quella tattile

Aggiornato il 10/03/2023 08:00 
 

Il Braille, sistema di Scrittura Tattile inventato dal francese Louis Braille nel 1825, rappresenta una delle più significative conquiste dell'umanità nel campo della comunicazione per le persone non vedenti. Come scrisse Helen Keller, celebre scrittrice, attivista e Insegnante Sordo-cieca: Attraverso la magia di sei punti la porta della conoscenza è stata spalancata e i non vedenti di ogni paese possono entrare nel mondo incantato al di là della portata dei sensi fisici. Non siamo mai così liberi come quando teniamo un amato Libro sulle ginocchia, e i punti Braille illuminano le nostre dita della grandezza, della meraviglia, dell'infinita vastità della vita".

La Trascrizione di testi in Braille rappresenta ancora oggi una sfida per molte aziende che si occupano di questo servizio, a causa dell'inaccessibilità o della diversità strutturale dei documenti a stampa comune. Fortunatamente, le nuove tecnologie hanno semplificato il processo di Trascrizione di testi in Braille, con Software come Biblos che consentono di ottenere risultati di alta qualità in modo efficiente. Qui entra in gioco il Lavoro del Trascrittore di testi in Braille, una figura professionale che ha le abilità e le competenze di trasporre i testi digitali o cartacei in Formato Braille. Mentre per alcune esigenze dell'utente finale è sufficiente la semplice stampa in Braille del testo originale, per altri scopi, in particolare per finalità didattiche, la Trascrizione di testi in Braille è un'attività cruciale per garantire e migliorare l'accessibilità dei contenuti tattili.

Il Trascrittore di testi in Braille è una figura professionale il cui compito principale consiste nella Conversione di testi da Formato visivo in Formato Braille. Questo processo di Trascrizione è fondamentale per garantire un miglior accesso alla Cultura alle persone con disabilità visiva che si avvalgono dei libri in Braille cartaceo. La Conversione di testi in Braille consente alle persone non vedenti di Leggere attraverso il Tatto il contenuto di documenti, libri, manuali e di altri materiali scritti, e di conseguenza di Acquisire conoscenze e competenze in vari campi.

La Trascrizione di testi in Braille è sempre stata una Professione altamente specialistica e di nicchia, richiedendo conoscenze specifiche del sistema e delle tecniche di Trascrizione. Con l'avvento delle nuove tecnologie il processo di Trascrizione di un Libro Braille è stato semplificato grazie all'automazione dei processi di trasformazione. Ciò ha permesso una maggiore efficienza e rapidità nella produzione di libri. Tuttavia, l'automazione ha anche richiesto competenze specialistiche strettamente collegate all'Informatica, come la conoscenza di Software di elaborazione testi e di Software specifici per la Trascrizione.

Per diventare un Trascrittore di libri Braille è necessario possedere una serie di competenze specifiche, per quanto tipiche del settore non sempre scontate. Essenziale per un Trascrittore è conoscere in profondità il sistema Braille. A differenza dei grafemi della Scrittura comune, il Braille utilizza una serie di punti in Rilievo disposti in una griglia di due per tre per rappresentare lettere e simboli. Come accennato prima, il Trascrittore deve essere in grado di utilizzare Software e strumenti specializzati per la Trascrizione di testi, come Biblos, il Software di Trascrizione Braille, e in generale gli strumenti di Scrittura in Braille. Un Trascrittore inoltre deve conoscere le tecniche per riorganizzare le parti visive di un testo e adattarle al Formato Braille, in quanto un Libro è fatto anche di elementi paratestuali che diventano vere e proprie ancore tattili per chi legge con le dita. Pertanto, la Trascrizione di testi in Braille richiede una grande attenzione ai dettagli e una capacità di interpretazione del testo originale. Oltre a garantire l'accessibilità dei libri di testo scolastici per gli utenti non vedenti, la Trascrizione di testi in Braille può richiedere anche la differenziazione della struttura del testo in base alle esigenze e alle abilità di Lettura del fruitore finale. Ad esempio, per i bambini con disabilità visiva, può essere necessario utilizzare una forma semplificata di Trascrizione, con spaziature maggiori e linee di testo più brevi, per facilitare la Lettura e la comprensione. Per gli adulti non vedenti, invece, potrebbe essere necessario utilizzare un Braille più complesso, con una maggiore densità di informazioni e una struttura più simile a quella del testo originale. La differenziazione della struttura del testo in Braille può riguardare anche l'utilizzo di simboli e segni tattili per indicare le immagini e le illustrazioni presenti nel testo. Ciò permette agli utenti non vedenti di avere una comprensione più completa e dettagliata del contenuto del Libro, in modo da poter accedere alle stesse informazioni dei lettori vedenti.

Per intraprendere una carriera come Trascrittore di testi in Braille è necessario Acquisire un insieme di competenze specifiche attraverso una formazione professionale. Tuttavia, in Italia, le opportunità di formazione sono limitate a pochissime strutture specializzate che si occupano internamente di formare il proprio personale, poiché questo settore lavorativo è poco sviluppato. Inoltre, i corsi di formazione formale aperti al pubblico, presso le stesse strutture o presso istituti di formazione professionale, sono rari.

Invece, esistono diverse opzioni trasversali per Acquisire le competenze necessarie per diventare un Trascrittore. Una soluzione comune è quella di frequentare corsi di formazione sulla Scrittura in Braille e sulle tecnologie di Trascrizione, che sono periodicamente offerti su tutto il territorio. Inoltre, moltissime risorse educative sono disponibili Online per sviluppare queste competenze. In particolare, per quanto riguarda l'utilizzo del Software Biblos - leader in Italia per la Trascrizione di libri in Braille - sono disponibili risorse sul sito Web DIGRANDE.IT, video Tutorial sul canale Youtube dell'autore, sul gruppo di Assistenza e all'interno del Software stesso, oltre che avere la possibilità di partecipare ai corsi di formazione periodicamente proposti.

L'accessibilità alla Cultura è fondamentale per garantire l'inclusione Sociale delle persone non vedenti. La possibilità di accedere a informazioni scritte, documenti e libri è un Diritto fondamentale, che può essere garantito solo attraverso l'uso di tecnologie assistive. Nonostante il Braille cartaceo stia subendo una progressiva dismissione, le recenti tecnologie assistive rendono possibile la fruizione dei testi in Braille mediante apposite periferiche Hardware, comunemente note come Display Braille, le quali permettono la riproduzione in modalità dinamica del testo Braille.

In questo contesto in continua trasformazione, il Lavoro dei trascrittori di testi in Braille assume un ruolo fondamentale nell'aumentare l'accessibilità per le persone non vedenti sia dei libri in Braille che dei libri digitali. La padronanza delle competenze richieste per la Trascrizione di testi in Braille, consente di perseguire obiettivi che vanno oltre la creazione di libri in questo specifico Formato. In particolare, la conoscenza acquisita può essere applicata per la produzione di libri digitali, un tipo di pubblicazione che rappresenta una significativa fonte di Informazione e Cultura Accessibile a tutti, compresi coloro che presentano disabilità visive.

La realizzazione di libri digitali accessibili richiede la combinazione di una serie di tecniche e strumenti, noti a chi si occupa della Trascrizione in Braille, che si rivela un'opzione particolarmente utile in quanto consente la creazione di versioni elettroniche del testo in grado di garantire un'esperienza di Lettura soddisfacente ed efficace per le persone non vedenti o ipovedenti.

La realizzazione di libri digitali accessibili rappresenta, pertanto, un'opportunità concreta per garantire l'accessibilità delle informazioni a tutti gli utenti, indipendentemente dalle loro abilità visive. In questo senso, la conoscenza delle tecniche di Trascrizione in Braille si rivela un fattore chiave anche per la creazione di contenuti digitali accessibili.

L'importanza dell'accessibilità è testimoniata da numerosi esempi reali di come la disponibilità di libri accessibili, prima in Braille e oggi anche digitali, ha cambiato la vita delle persone non vedenti. Ad esempio, la disponibilità di testi scolastici in Braille ha permesso a molte persone non vedenti di accedere all'Istruzione e di avere le stesse opportunità di coloro che vedono.

Per ulteriore supporto ci si può iscrivere nel Gruppo di Biblos su Facebook.