DiGrande.it

Non Vedenti, Braille e Tecnologie di Stampa

Questo sito usa Cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare i collegamenti. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro uso.
Leggi la Cookie Policy di DiGrande.it

Giornata mondiale del Braille 2021: Louis Braille nacque il 4 gennaio 1809

Pubblicato il 04/01/2021 18:00 
 

Louis Braille, l'inventore del sistema Braille, nacque il 4 gennaio 1809 in Francia. Per ricordare lui e il contributo che diede al mondo con la sua invenzione, il 4 gennaio viene celebrato come Giornata Mondiale del Braille.
Il Braille è un sistema inventato appositamente per i non vedenti e per coloro affetti da grave disabilità visiva. Prima di questo sistema l'Educazione e la Formazione delle persone non vedenti di tutto il mondo era pressoché inesistente. Per aiutare le persone non vedenti a Leggere e imparare, Louis inventò il Braille, oggi accettato a livello globale come sistema universale per le persone con problemi di Vista.

La Giornata Mondiale del Braille è stata ufficialmente istituita per sensibilizzare le persone sull'importanza del Braille come mezzo di comunicazione per non vedenti e ipovedenti.

Il Braille è un sistema che utilizza sei punti per rappresentare alfabeti, numeri e simboli. I sei punti sono usati anche per rappresentare le note musicali e i simboli matematici e scientifici. Il Braille è considerato come una parte essenziale della vita delle persone non vedenti e ipovedenti per i loro Diritti umani e per l'inclusione Sociale.
Louis Braille era un francese che perse la Vista in tenera età a causa di un Incidente domestico. Durante la frequenza di un Istituto per giovani ciechi di Parigi, il primo in Europa, inventò il suo sistema di Scrittura e Lettura. Nel 1824, all'età di 15 anni, Louis sviluppò per la prima volta il Braille, sistema reso pubblico nel 1829. Il Braille ebbe maggiore diffusione dopo la morte di Louis, avvenuta nel 1852, e oggi è conosciuto in tutto il mondo.

Lo stesso articolo scritto in Braille

⠨⠇⠕⠥⠊⠎ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑⠂ ⠇⠄⠊⠝⠧⠑⠝⠞⠕⠗⠑ ⠙⠑⠇ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑⠂ ⠝⠁⠉⠟⠥⠑ ⠊⠇ ⠼⠙ ⠛⠑⠝⠝⠁⠊⠕ ⠼⠁⠓⠚⠊ ⠊⠝ ⠨⠋⠗⠁⠝⠉⠊⠁⠲ ⠨⠏⠑⠗ ⠗⠊⠉⠕⠗⠙⠁⠗⠑ ⠇⠥⠊ ⠑ ⠊⠇ ⠉⠕⠝⠞⠗⠊⠤ ⠃⠥⠞⠕ ⠉⠓⠑ ⠙⠊⠑⠙⠑ ⠁⠇ ⠍⠕⠝⠙⠕ ⠉⠕⠝ ⠇⠁ ⠎⠥⠁ ⠊⠝⠧⠑⠝⠵⠊⠕⠝⠑⠂ ⠊⠇ ⠼⠙ ⠛⠑⠝⠝⠁⠊⠕ ⠧⠊⠑⠝⠑ ⠉⠑⠇⠑⠃⠗⠁⠞⠕ ⠉⠕⠍⠑ ⠨⠛⠊⠕⠗⠝⠁⠞⠁ ⠨⠍⠕⠝⠙⠊⠁⠇⠑ ⠙⠑⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑⠲ ⠨⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠮ ⠥⠝ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠊⠝⠧⠑⠝⠞⠁⠞⠕ ⠁⠏⠏⠕⠎⠊⠞⠁⠍⠑⠝⠞⠑ ⠏⠑⠗ ⠊ ⠝⠕⠝ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠑ ⠏⠑⠗ ⠉⠕⠇⠕⠗⠕ ⠁⠋⠋⠑⠞⠞⠊ ⠙⠁ ⠛⠗⠁⠧⠑ ⠙⠊⠎⠁⠃⠊⠇⠊⠞⠷ ⠧⠊⠎⠊⠧⠁⠲ ⠨⠏⠗⠊⠍⠁ ⠙⠊ ⠟⠥⠑⠎⠞⠕ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠇⠄⠑⠙⠥⠉⠁⠵⠊⠕⠝⠑ ⠑ ⠇⠁ ⠋⠕⠗⠍⠁⠵⠊⠕⠝⠑ ⠙⠑⠇⠇⠑ ⠏⠑⠗⠎⠕⠝⠑ ⠝⠕⠝ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠙⠊ ⠞⠥⠞⠞⠕ ⠊⠇ ⠍⠕⠝⠙⠕ ⠑⠗⠁ ⠏⠗⠑⠎⠎⠕⠉⠓⠿ ⠊⠝⠑⠎⠊⠎⠞⠑⠝⠞⠑⠲ ⠨⠏⠑⠗ ⠁⠊⠥⠞⠁⠗⠑ ⠇⠑ ⠏⠑⠗⠎⠕⠝⠑ ⠝⠕⠝ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠁ ⠇⠑⠛⠛⠑⠗⠑ ⠑ ⠊⠍⠏⠁⠗⠁⠗⠑⠂ ⠨⠇⠕⠥⠊⠎ ⠊⠝⠧⠑⠝⠞⠬ ⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑⠂ ⠕⠛⠛⠊ ⠁⠉⠉⠑⠞⠞⠁⠞⠕ ⠁ ⠇⠊⠧⠑⠇⠇⠕ ⠛⠇⠕⠃⠁⠇⠑ ⠉⠕⠍⠑ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠥⠝⠊⠧⠑⠗⠎⠁⠇⠑ ⠏⠑⠗ ⠇⠑ ⠏⠑⠗⠎⠕⠝⠑ ⠉⠕⠝ ⠏⠗⠕⠃⠇⠑⠍⠊ ⠙⠊ ⠧⠊⠎⠞⠁⠲

⠨⠇⠁ ⠨⠛⠊⠕⠗⠝⠁⠞⠁ ⠨⠍⠕⠝⠙⠊⠁⠇⠑ ⠙⠑⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠮ ⠎⠞⠁⠞⠁ ⠥⠋⠋⠊⠉⠊⠁⠇⠍⠑⠝⠞⠑ ⠊⠎⠞⠊⠞⠥⠊⠞⠁ ⠏⠑⠗ ⠎⠑⠝⠎⠊⠃⠊⠇⠊⠵⠵⠁⠗⠑ ⠇⠑ ⠏⠑⠗⠎⠕⠝⠑ ⠎⠥⠇⠇⠄⠊⠍⠏⠕⠗⠞⠁⠝⠵⠁ ⠙⠑⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠉⠕⠍⠑ ⠍⠑⠵⠵⠕ ⠙⠊ ⠉⠕⠍⠥⠝⠊⠉⠁⠵⠊⠕⠝⠑ ⠏⠑⠗ ⠝⠕⠝ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠑ ⠊⠏⠕⠤ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊⠲

⠨⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠮ ⠥⠝ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠉⠓⠑ ⠥⠞⠊⠇⠊⠵⠵⠁ ⠎⠑⠊ ⠏⠥⠝⠞⠊ ⠏⠑⠗ ⠗⠁⠏⠏⠗⠑⠤ ⠎⠑⠝⠞⠁⠗⠑ ⠁⠇⠋⠁⠃⠑⠞⠊⠂ ⠝⠥⠍⠑⠗⠊ ⠑ ⠎⠊⠍⠤ ⠃⠕⠇⠊⠲ ⠨⠊ ⠎⠑⠊ ⠏⠥⠝⠞⠊ ⠎⠕⠝⠕ ⠥⠎⠁⠞⠊ ⠁⠝⠉⠓⠑ ⠏⠑⠗ ⠗⠁⠏⠏⠗⠑⠎⠑⠝⠞⠁⠗⠑ ⠇⠑ ⠝⠕⠞⠑ ⠍⠥⠎⠊⠉⠁⠇⠊ ⠑ ⠊ ⠎⠊⠍⠃⠕⠇⠊ ⠍⠁⠞⠑⠍⠁⠞⠊⠉⠊ ⠑ ⠎⠉⠊⠑⠝⠞⠊⠋⠊⠉⠊⠲ ⠨⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠮ ⠉⠕⠝⠎⠊⠙⠑⠗⠁⠞⠕ ⠉⠕⠍⠑ ⠥⠝⠁ ⠏⠁⠗⠞⠑ ⠑⠎⠎⠑⠝⠵⠊⠁⠇⠑ ⠙⠑⠇⠇⠁ ⠧⠊⠞⠁ ⠙⠑⠇⠇⠑ ⠏⠑⠗⠎⠕⠝⠑ ⠝⠕⠝ ⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠑ ⠊⠏⠕⠧⠑⠙⠑⠝⠞⠊ ⠏⠑⠗ ⠊ ⠇⠕⠗⠕ ⠙⠊⠗⠊⠞⠞⠊ ⠥⠍⠁⠝⠊ ⠑ ⠏⠑⠗ ⠇⠄⠊⠝⠉⠇⠥⠎⠊⠕⠝⠑ ⠎⠕⠉⠊⠁⠇⠑⠲
⠨⠇⠕⠥⠊⠎ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠑⠗⠁ ⠥⠝ ⠋⠗⠁⠝⠉⠑⠎⠑ ⠉⠓⠑ ⠏⠑⠗⠎⠑ ⠇⠁ ⠧⠊⠎⠞⠁ ⠊⠝ ⠞⠑⠝⠑⠗⠁ ⠑⠤ ⠞⠷ ⠁ ⠉⠁⠥⠎⠁ ⠙⠊ ⠥⠝ ⠊⠝⠉⠊⠙⠑⠝⠞⠑ ⠙⠕⠤ ⠍⠑⠎⠞⠊⠉⠕⠲ ⠨⠙⠥⠗⠁⠝⠞⠑ ⠇⠁ ⠋⠗⠑⠟⠥⠑⠝⠵⠁ ⠙⠊ ⠥⠝ ⠊⠎⠞⠊⠞⠥⠞⠕ ⠏⠑⠗ ⠛⠊⠕⠧⠁⠝⠊ ⠉⠊⠑⠉⠓⠊ ⠙⠊ ⠨⠏⠁⠗⠊⠛⠊⠂ ⠊⠇ ⠏⠗⠊⠍⠕ ⠊⠝ ⠨⠑⠥⠗⠕⠏⠁⠂ ⠊⠝⠧⠑⠝⠞⠬ ⠊⠇ ⠎⠥⠕ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠙⠊ ⠎⠉⠗⠊⠞⠞⠥⠗⠁ ⠑ ⠇⠑⠞⠞⠥⠗⠁⠲ ⠨⠝⠑⠇ ⠼⠁⠓⠃⠙⠂ ⠁⠇⠇⠄⠑⠞⠷ ⠙⠊ ⠼⠁⠑ ⠁⠝⠝⠊⠂ ⠨⠇⠕⠥⠊⠎ ⠎⠧⠊⠇⠥⠏⠏⠬ ⠏⠑⠗ ⠇⠁ ⠏⠗⠊⠍⠁ ⠧⠕⠇⠞⠁ ⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑⠂ ⠎⠊⠎⠞⠑⠍⠁ ⠗⠑⠎⠕ ⠏⠥⠃⠃⠇⠊⠉⠕ ⠝⠑⠇ ⠼⠁⠓⠃⠊⠲ ⠨⠊⠇ ⠨⠃⠗⠁⠊⠇⠇⠑ ⠑⠃⠃⠑ ⠍⠁⠛⠛⠊⠕⠗⠑ ⠙⠊⠋⠋⠥⠎⠊⠕⠝⠑ ⠙⠕⠏⠕ ⠇⠁ ⠍⠕⠗⠞⠑ ⠙⠊ ⠨⠇⠕⠥⠊⠎⠂ ⠁⠧⠧⠑⠝⠥⠞⠁ ⠝⠑⠇ ⠼⠁⠓⠑⠃⠂ ⠑ ⠕⠛⠛⠊ ⠮ ⠉⠕⠝⠕⠎⠉⠊⠥⠞⠕ ⠊⠝ ⠞⠥⠞⠞⠕ ⠊⠇ ⠍⠕⠝⠙⠕⠲